Antiche Origini - Notizie Dal Passato - 11

Non importa quanto si vada indietro nel tempo,

vengono a galla leggende e mitologie di fondatori misteriosamente arrivati da qualche altra parte.

Antiche Origini – Notizie Dal Passato – 11

Antiche Origini – Notizie Dal Passato – 11. Notizie dal mondo dell’Archeologia, tradizioni e curiosità.

  • Qualcuno sul campo inciampa metaforicamente in qualcosa di inaspettato nell’oscurità, scoprendo accidentalmente un Göbekli Tepe o un osso di Denisovan. Quindi la tendenza è quella di etichettare tale ritrovamento come un’anomalia, un incidente occasionale che non rientra nei parametri accettati. Quando salta fuori qualcosa di nuovo che minaccia di sconvolgere completamente quanto già approvato e collaudato, spesso ne consegue la seguente argomentazione: “Dove sono le prove? Non voglio vedere un esempio. Voglio molti esempi!” Leggi l’Articolo

 

  • Conosciuto da molti studiosi come il “Secolo Buio”, il periodo medievale è spesso denigrato come un deserto culturale: barbarie, ignoranza, sofferenza e violenza. Le sue conquiste culturali ricevono meno attenzione dello splendore della civiltà greco-romana classica da un lato e degli inizi della modernità dall’altro. La verità è che il Medioevo era vivo con una propria vivida cultura, storia e abilità artistica, ma le percezioni moderne sono spesso cieche di fronte ad esso. Ecco 3 aspetti della cultura che mettono in mostra la luce accattivante della cosiddetta era delle tenebre. Leggi l’Articolo

 

  • Oltre alla descrizione biblica dell’Arca dell’Alleanza, un volume del 1780, La Storia Sacra dell’Antico Testamento, fornisce interessante materiale per la ricerca su strumenti, congegni e oggetti culturali appartenenti alla tradizione ebraica che, visti da un punto di vista più prospettiva moderna, sembrerebbe suggerire l’esistenza di “conoscenze tecniche anacronistiche”. Per la descrizione dell’Arca non si può fare a meno di ricordare un condensatore elettrico di grande capacità – formato da due conduttori (le lamine d’oro all’interno e all’esterno) separati da un dielettrico (il legno di Setim, cioè il legno di acacia) – che può quindi essere assimilati come capaci di accumulare grandi, e talvolta pericolose, quantità di elettricità statica. Un materiale dielettrico è una sostanza che è un cattivo conduttore di elettricità, ma un efficiente sostenitore dei campi elettrostatici. Se il flusso di corrente tra i poli opposti della carica elettrica è mantenuto al minimo e le linee di flusso elettrostatiche non sono ostacolate o interrotte, un campo elettrostatico può immagazzinare energia. Leggi l’Articolo

 

  • Fin dall’inizio dell’umanità, c’è stata l’urgente necessità di comprendere le ragioni per cui gli esseri umani sono stati creati. A quale scopo servono gli esseri umani? Ciascuna cultura antica e moderna conserva le proprie storie, alcune delle quali si basano su racconti più antichi. Gli antichi greci non facevano eccezione. Tuttavia, mettendo da parte l’immaginazione, nel corso dei secoli si è verificata un’impollinazione incrociata di tradizioni culturali tra le culture del Mediterraneo e dell’Anatolia, intrecciate nell’arazzo della mitologia della creazione dei Greci. Leggi l’Articolo

 

 

  • Le leggende raccontano che Alarico, re dei Visigoti, che saccheggiò Roma nel V secolo d.C., fu sepolto insieme al suo cavallo e ad una grande quantità di tesori, nel letto del fiume Busento, in provincia di Cosenza, nell’Italia meridionale. Ma gli archeologi e i cacciatori di tesori hanno cercato nel posto sbagliato? Leggi l’Articolo

 

  • Non si sapeva molto del giovane Antinoo prima che attirasse l’attenzione del sovrano del mondo romano al suo apice. Nacque nel 111 d.C. nella provincia romana della Bitinia, che comprenderebbe la parte asiatica di Istanbul e dintorni, nella moderna Turchia. A causa del suo misterioso legame con l’imperatore romano Adriano, alla fine della sua breve vita, Antinoo era un nome familiare in tutto l’Impero Romano. Leggi l’Articolo

 

  • Gli artisti cinesi combinarono gli attributi di diverse creature per creare una bestia composita, che chiamarono pixiu (pi-hsieh ). Il termine è comunemente usato per riferirsi a qualsiasi amalgama animale (e ce ne sono molti nella mitologia cinese), ma usato correttamente, pixiu è il nome di una specifica creatura fantasiosa che assomiglia a un leone con le ali. Il leone ( felix leo ) appare nelle opere d’arte di tutto il mondo per la sua maestosa struttura e forza, coraggio e nobiltà.  Leggi l’Articolo

 

 

  • “Le sepolture dovrebbero essere disturbate e le mummie dovrebbero essere rimosse dalle tombe per essere studiate?” Leggi l’Articolo

 

  • Il primo autore greco a menzionare gli Etruschi, che gli antichi greci chiamavano Tirreni, fu il poeta Esiodo dell’VIII secolo a.C., nella sua opera, la Teogonia. Li menzionò come residenti nell’Italia centrale insieme ai latini. L’Inno omerico a Dioniso del VII secolo a.C. si riferiva a loro come pirati. 

Immagini Dal Passato

Notizie dal Passato 11 - Dolmen de Soto

Dolmen de Soto

Scoperto nel 1922, il Dolmen de Soto si trova nel comune di Trigueros (Huelva), Spagna. È uno dei monumenti megalitici più importanti e meglio conservati della Penisola iberica. La costruzione deve essere avvenuta tra il Neolitico e l’Età del Bronzo (3000-2500 aC). #drthehistories

 

Notizie dal Passato 11 - Delfini

Delfini

I delfini erano una parte importante dell’antica Grecia. Erano ritenuti aiutanti di molti dei. Poseidone li usò come messaggeri e Afrodite li usò per emergere dal mare a Cipro (nascita di Afrodite). Erano anche gli animali domestici preferiti di Apollo che ne adorava la bellezza e l’intelligenza. Si credeva fossero una creazione di Dioniso. In un mito Dioniso dormiva ubriaco su una spiaggia nel sud Italia e i pirati etruschi lo rapirono pensando che fosse un uomo ricco e lo trasferirono nella loro tana in Sicilia. Quando finalmente Dioniso tornò in sé, inondò la nave di viti e uva e si trasformò in una pantera. Allora i pirati spaventati a morte si gettarono in mare per salvarsi la vita. Dioniso si divertì così tanto con quella piccola avventura che invece di punirli, li trasformò semplicemente in delfini. E infine, nell’antica Grecia, l’uccisione di un delfino era punibile con la morte. @histories_arch

Notizie dal Passato 11 - Ramesse II

Valle dei Re

Bracciale rigido in oro e lapislazzuli con il nome di Ramesse II. Non sappiamo se li indossasse, ma sono un esempio del contenuto perduto della sua tomba. #archaeohistories

 

Notizie dal Passato 11 - Royal Kurgan

Royal Kurgan

Il Royal Kurgan, conosciuto come la “Tomba di Mitridate”, si trova vicino a Kerch, nella parte orientale della penisola di Crimea. I Kurgan si estendevano dall’Altai al Caucaso, alla Romania e alla Bulgaria. Questi tumuli riflettono varie culture, tra cui Sciti, Sarmati, Unni e Kipchak. L’archeologa Marija Gimbutas suggerisce che i proto-indoeuropei, esperti di metallurgia del rame e di allevamento dei cavalli, abbiano avviato questa tradizione di sepoltura. I discendenti, in particolare gli iraniani e gli sciti, continuarono questa pratica, creando grandi tumuli per i re. In Kazakistan alcuni superano i 200 metri di diametroe risalgono al primo millennio a.C. #drthehistories

Notizie dal Passato 11 - Grotta Cosquer

Grotta Cosquer

La Grotta Cosquer situata a Cap Morgiou, Marsiglia, Francia si trova a circa 37 metri (121 piedi) sotto il livello del mare e il suo ingresso si trova a circa 37 metri (121 piedi) sott’acqua. Questo ingresso sottomarino suggerisce che il livello del mare era significativamente più basso durante il periodo in cui la grotta era utilizzata. La grotta contiene circa 600 dipinti e incisioni, che rappresentano prevalentemente animali come cavalli, bisonti, stambecchi e foche, oltre a numerosi stampini a mano. Queste opere d’arte forniscono preziosi spunti sulla vita e sulle credenze delle persone che abitavano la regione durante il Paleolitico superiore. A causa dell’ingresso sottomarino unico e della natura fragile del contenuto della grotta, l’accesso alla grotta è strettamente regolamentato ed è richiesto un permesso speciale per la ricerca scientifica o l’esplorazione. Negli ultimi anni sono stati compiuti sforzi per studiare e preservare la grotta e il suo inestimabile patrimonio culturale. #drthehistories

Notizie dal Passato 11 - Epona

Dea Epona

Lo Statere d’oro celtico proveniente da Rennes, in Gallia, risalente al II secolo a.C., è un manufatto affascinante. E’ una testimonianza della ricca storia e cultura del popolo celtico. La raffigurazione della dea Epona come regina guerriera su questa moneta è particolarmente intrigante. Epona era una figura significativa nella mitologia celtica e romana. Era conosciuta come la protettrice di cavalli, pony, asini e muli. Oltre alla sua associazione con questi animali, Epona era anche una dea della fertilità. I suoi attributi spesso includevano una patera (un piatto cerimoniale poco profondo), una cornucopia (che simboleggia l’abbondanza), spighe di grano e la presenza di puledri in alcune sculture, che sottolineano il suo ruolo di divinità della fertilità.

Notizie dal Passato 11 - Mosaico di Orione Pompei

Mosaico di Orione

Lo straordinario “Mosaico di Orione” della fine del II-inizi del I secolo a.C. situato nella “Casa dell’Orione”, Pompei. Il mosaico pavimentale mostra una rappresentazione estremamente rara e sofisticata del mito di Orione. Orione figlio di Poseidone ed Eurile (figlia del re Minosse di Creta) era un gigante dotato da suo padre della capacità di camminare sulla superficie dell’acqua.

Notizie dal Passato 11 - Maya

Statuetta Maya

Statuetta Maya in ceramica di 1.500 anni fa con un elmo rimovibile proveniente da El Perú-Waka, Peten, Guatemala

Notizie dal Passato 11 - Ishtar

Ishtar

Ishtar antica dea dell’antica Mesopotamia, era la più famosa e venerata di tutte le dee, e tale rimase per migliaia di anni. Il suo nome è anche significativo per la storia perché Ishtar è la prima divinità ad essere stata scoperta in forma scritta, risalente al V secolo a.C. circa. Sebbene il ruolo di Ishtar si sia gradualmente attenuato nel tempo, la sua complessa combinazione di passione, forza, bellezza e distruzione divenne il punto di partenza per varie dee dell’amore. Questi includono Astarte, la dea ellenica della guerra e della passione sessuale, seguita dalla dea greca dell’amore, Afrodite, e più tardi dalla dea romana Venere. #archaeohistories

Notizie dal Passato 11 - Carvilio Ring

Anello Carvilio

Anello Carvilio, un ‘ologramma’ vecchio di 2000 anni racchiuso in un gioiello d’oro. L’anello di Tito Carvilio Gemello fu rinvenuto al dito di una matrona romana, la nobile Aebutia Quarta, nella cosiddetta Tomba Flavio-Traianea, oggi conosciuta come “Ipogeo delle Ghirlande”. L’anello di Carvilio è ora esposto al Museo Archeologico di Palestrina. #archaeohistories

BONUS VIDEO

Cina

Houtouwan è un villaggio di pescatori abbandonato sul lato settentrionale dell’isola di Shengshan, a est di Shanghai, in Cina. Il villaggio è stato fondato negli anni ’50 e ospitava più di 2000 pescatori. Nel 2002 il villaggio fu completamente abbandonato. 📽️ © visuals_china (IG)

Una Borsa D’oro

Capolavoro Del Periodo Ottomano